Domenica 19 gennaio

II Domenica del Tempo Ordinario / A

Tu solo sei veramente il Signore: il tuo dominio su di noi è la nostra salvezza ed il servire a Te significa per noi essere salvati. E qual è la tua salvezza, o Signore, al quale appartiene la salvezza e la benedizione sul tuo popolo, se non ottenere da Te di amarti ed essere da Te amati?
Perciò, Signore, hai voluto che il Figlio della tua destra e l’uomo che per Te hai reso forte, fosse chiamato Gesù, cioè Salvatore: infatti è Lui che “salverà il suo popolo dai suoi peccati” (Mt 1,21) e “in nessun altro c’è salvezza” (At 4,12).
Egli ci ha insegnato ad amarlo, quando per primo ci ha amati fino alla morte di croce, incitandoci con l’amore e la predilezione ad amare Lui, che per primo ci ha amati sino alla fine. Hai voluto dunque che ti amassimo noi che non potevamo nemmeno essere salvati con giustizia se non ti avessimo amato, né potevamo amarti se non avessimo avuto il dono da Te. Veramente, Signore, Tu per primo ci hai amati e per primo Tu ami coloro che ti amano. Ma noi ti amiamo con l’affetto di amore che Tu ci hai infuso.

(Gugliemo di Saint Thierry)